Passeggiando in bicicletta a Mantova tra salite e discese con Alessandro Giona e Mantova Segreta

Tag

, , , , , , , , , , ,

Alessandro Giona (in bici) e Giacomo Cecchin (a piedi) in via montata durante la puntata di Mantova Segreta

Lo sapevate che Mantova è la città di pianura con le salite e le discese più ripide al mondo? Si tratta di una battuta naturalmente però il nostro centro storico è tutto un su e giù ed è divertente percorrerlo con Alessandro Giona, un ciclista abituato a ben altre salite (e discese).

Mantova Segreta alla caccia di salite e discese in centro a Mantova

L’idea per questa puntata mi è venuta pensando alla trasmissione Top Gear (chi non la conosce può approfondire qui) dove un pilota mascherato Stig testa le auto sui vari circuiti. Quindi noi abbiamo testato le salite e le discese di Mantova insieme ad Alessandro Giona (il nostro Stig). Alla fine abbiamo incoronato il Gran Premio della Montagna e Cima Coppi in questo giro per la città.

Continua a leggere

Vincenzo II, il toy boy che sposa la vedova e svende la quadreria

Tag

, , , , , , , , , ,

copertina dell'articolo dedicato a Vincenzo II Gonzaga - ritratto di Carlo I d'Inghilterra - un Trionfo di Cesare di Andrea Mantegna - ritratto di Vincenzo II Gonzaga

Vincenzo II Gonzaga è un altro duca per caso come Ferdinando e Guglielmo. Per lui però il caso vale ancora di più perché come terzo figlio maschio nessuno pensava (e sperava…) che diventasse duca di Mantova o cardinale. E invece accadono tutte e due le cose: quando Ferdinando rinuncia alla tonaca cardinalizia sarà Vincenzo a prenderne il posto per soli 8 mesi. Questo giovane di 22 anni si innamora di una vedova che ha 20 anni più di lui e la sposa d’impulso.

Quando poi nel 1626 Ferdinando muore senza eredi toccherà a Vincenzo II il titolo di duca di Mantova. Sicuramente uno dei più veloci della storia: un solo anno ma terribile per la storia del ducato.

Svende la quadreria al re Carlo I d’Inghilterra e fa sposare la nipote Maria a Carlo, conte di Rethel, senza rispettare i desideri dell’imperatore. Mantova perde una delle collezioni d’arte più incredibili della storia e nel 1630 viene saccheggiata come punizione per non aver atteso il permesso imperiale alla successione.

Mantovastoria prosegue la pubblicazione di una serie di ritratti dei Gonzaga dal capostipite della dinastia Luigi e fino a Ferdinando Carlo, l’ultimo che chiuse la porta su un dominio durato 4 secoli. Dopo l’ultima puntata sarà possibile scaricare una piccola pubblicazione su vita, morte, e in qualche caso miracoli, dei Corradi da Gonzaga.

Continua a leggere

Due passeggiate per Mantova: i 10 giorni che cambiarono la storia (sab 5 marzo) e Le due cattedrali di Mantova (dom 6 marzo)

Tag

, , , ,

Una copertina con le due passeggiate a Mantova (i 10 giorni che cambiarono la storia e Mantova, la città delle due cattedrali) sullo sfondo la veduta satellitare della città

Proseguono le camminate per Mantova alla scoperta di storie, personaggi e curiosità. Ecco le prossime due previste per il fine settimana di sabato 5 marzo e domenica 6 marzo (potete iscrivervi qui)

SABATO 5 MARZO ORE 15.00
>> I 10 giorni che cambiarono la storia di Mantova- (ritrovo in Piazza Virgiliana di fronte al Monumento a Virgilio)

Se doveste scegliere 10 giorni che hanno cambiato la storia di Mantova voi quali scegliereste? io ho scelto i miei e ci sono compleanni e funerali, battaglie e reliquie, donne di polso e uomini senza nerbo, artisti, ingegneri e imperatori e una città in continuo movimento. 
Partiremo dai laghi e attraverseremo tutta Mantova in un percorso che durerà al massimo 2 ore e trenta e proverà a regalarvi un nuovo punto di vista su luoghi e storie ch​e forse conoscete già ma che è sempre bello sentirsi raccontare. (durata al massimo 2 ore e trenta) massimo 20 partecipanti

Quota di partecipazione – 15 euro a testa  – Sabato 5 marzo – Ore 15.00 
Iscrivetevi qui https://forms.gle/Nahfnt4TozkNCSGE6

Domenica 6 marzo ore 15.00
>> Mantova, la città delle due cattedrali – (ritrovo davanti al Palazzo Vescovile)

Se parlate con 10 mantovani di Mantova centro e gli chiedete quale cattedrale preferiscono tra il Duomo e Sant’Andrea 9 su 10 voteranno per la basilica di Leon Battista Alberti. Io invece preferisco il duomo. Se volete scoprire perché vi propongo un itinerario che collega le due cattedrali raccontandone vicende e curiosità per provare a scoprire che se Sant’Andrea lascia senza fiato, conoscere il duomo vuol dire non riuscire più a considerarlo una chiesa minore. Un percorso tra santi, pittori e cardinali per una serie continua di sorprese. (durata al massimo 2 ore e trenta) massimo 15 partecipanti

Quota di partecipazione – 15 euro a testa – domenica 6 marzo ore 15.00
Iscrivetevi qui https://forms.gle/Nahfnt4TozkNCSGE6

“Mantova, 5 cose che so di lei” arriva a Borgo Virgilio – martedì 22 febbraio ore 21.00

Tag

, , , , , ,

Ecco qui la prossima data di presentazione del libro “Mantova, 5 cose che so di lei”.
Martedì 22 febbraio 2022 alle 21.00 nella Sala Consiliare di Borgo Virgilio in piazza Aldo Moro n.1
La partecipazione è gratuita con l’obbligo di green pass rafforzato.

Cosa ne dite di scoprire quali sono i 5 modi di sembrare mantovano durante il Festivaletteratura, dove trovare le salite mozzafiato a Mantova, come muoversi in città lasciandosi prendere dal naso oppure capire in che anno andare se avessimo la macchina del tempo.

Durante la serata sarà possibile acquistare una copia del libro con dedica.

Qui trovate tutte la date della tournée di presentazione del libro.
1. Il debutto è stato nel giardino di Casa Andreasi a Mantova – giovedì 29 luglio 2021
2. Marengo nel giardino della Ghiacciaia – venerdì 30 luglio 2021
3. Festivaletteratura in Piazza Sordello – domenica 5 settembre 2021
4. Cortile della Biblioteca Baratta a Mantova – giovedì 16 settembre 2021
5. Mantova Medioevale a Mantova – sabato 16 ottobre 2021
6. Società per il Palazzo Ducale – sabato 13 novembre 2021
7. Biblioteca di Villimpenta – mercoledì 17 novembre 2021
8. Museo Mast a Castel Goffredo – domenica 16 gennaio 2022
9. Rotary Postumia a Rivalta – mercoledì 26 gennaio 2022
10. Arci Salardi a Mantova – giovedì 3 febbraio 2022

Per approfondire su questo blog
Mantova, 5 cose che so di lei: si ristampa!

Per approfondire sul web
La pagina dedicata al libro sul sito dell’Editoriale Sometti

Tre passeggiate a Mantova domenica 20 febbraio: al mattino in piazza Canossa e al pomeriggio un percorso tra le due cattedrali

Tag

, , , , , ,

Ripartono le passeggiate con Giacomo Cecchin con due percorsi novità in pieno centro storico.

La proposta è per domenica 20 febbraio 2022 e per iscriversi basta cliccare su questo link https://forms.gle/PfuzyCz2hxMECSfy8

IMPORTANTE – POSTI ESAURITI PER I TURNI DELLE 11.00 IN PIAZZA CANOSSA E DELLE 15.00.
E’ ancora possibile iscriversi per la passeggiata delle 9.00 in Piazza Canossa.

Piazza Canossa senza segreti ore 9.00 e ore 11.00 (posti esauriti)

Come si può organizzare una visita guida alla piazza più piccola e più elegante di Mantova? Basta sapere dove e cosa guardare tra angoli cinematografici, una facciata parlante, un passaggio segreto e tante altre curiosità. Un percorso da fare tutto d’un fiato in un’ora con sorpresa finale. (durata 1 ora)

Domenica 20 febbraio – Primo turno ore 9.00 – Secondo turno ore 11.00 (15 persone massimo per percorso)Quota di partecipazione – 10 euro a testa
Per iscriversi cliccare su questo link https://forms.gle/PfuzyCz2hxMECSfy8

Mantova, la città delle due cattedrali ore 15.00 (posti esauriti)

se parlate con 10 mantovani di Mantova centro e gli chiedete quale cattedrale preferiscono tra il Duomo e Sant’Andrea 9 su 10 voteranno per la basilica di Leon Battista Alberti. Io invece preferisco il duomo. Se volete scoprire perché vi propongo un itinerario che collega le due cattedrali raccontandone vicende e curiosità per provare a scoprire che se Sant’Andrea lascia senza fiato, conoscere il duomo vuol dire non riuscire più a considerarlo una chiesa minore. Un percorso tra santi, pittori e cardinali per una serie continua di sorprese.

Domenica 20 febbraio – Ore 15.00 (durata 2 ore e trenta) massimo 15 partecipanti
Quota di partecipazione – 15 euro a testa

Per iscriversi cliccare su questo link https://forms.gle/PfuzyCz2hxMECSfy8

La seconda stagione di Mantova Segreta: guardate tutte le puntate

Tag

, , , , ,

Mantova Segreta è la mia prima trasmissione televisiva e devo dire che è entusiasmante e divertente insieme girare le puntate. Quello che mi piace è che le persone mi dicono quanto gli sono piaciute alcune puntate e mi suggeriscono altre puntate da realizzare.

Una delle cose che mi chiedono di più però è rivedere alcune puntate delle precedenti stagioni. Allora ho deciso di realizzare una pagina dove poter rivedere l’intera seconda stagione con l’indicazione dei temi e degli argomenti oltreché degli ospiti.

Su questa pagina trovate i link per vedere tutte le puntate della seconda stagione andate in onda in TV (la prima stagione invece la potete rivedere qui) mentre potete seguire le nuove puntate direttamente sulla pagina di Telemantova dedicata a Mantova Segreta https://www.telemantova.it/i-programmi/altri-programmi/mantova-segreta .
Eccole di seguito:

Continua a leggere

Mantova e Torino nel segno della reliquia del Sangue di Cristo e di San Giovanni Bosco

Tag

, , , , , , , , , , ,

Immagine presa dal sito della Basilica di Santa Maria Ausiliatrice https://basilicamariaausiliatrice.it/

Oggi 31 gennaio è la festa di San Giovanni Bosco, il fondatore dei Salesiani che hanno la loro casa madre a Torino, nei pressi della basilica di Santa Maria Ausiliatrice.

Il legame con Mantova e la reliquia dei Sacri Vasi

Forse non tutti sanno che esiste un legame molto stretto tra Mantova e Torino che sono unite non solo dal fatto che ospitano due importantissime reliquie, i Sacri Vasi e la Sindone. ma anche da una donazione che arrivò ai Salesiani da mons. Giuseppe Sarto, allora vescovo di Mantova e poi papa con il nome di Pio X e oggi santo.

Se leggiamo infatti quanto c’è scritto nel Bollettino Salesiano del 1° novembre 1953 si parla proprio di una particella della reliquia del Sangue di Cristo conservato a Mantova e conservata nella cripta delle reliquie nella Basilica di Santa Maria Ausiliatrice.

Continua a leggere

Mantova, 5 cose che so di lei: si ristampa!

Tag

, , , , , , , , ,

La copertina del libro "Mantova, 5 cose che so di lei" con la fascetta della seconda edizione.

Una bellissima notizia arrivata poco prima della fine del 2021: si va in ristampa con “Mantova, 5 cose che so di lei”.

In questa seconda edizione abbiamo sistemato il refuso in quarta di copertina (non ve ne eravate accorti?) e abbiamo inserito una citazione di Silver, autore della copertina e di una introduzione a fumetti:
“Anche se non ve ne frega niente di Mantova, leggere quello che scrive Giacomo Cecchin è uno spazzo. Poi di Mantova vi fregherà qualcosa in più”.

Continua a leggere

L’estro del lato destro: i museali!

Tag

, , , , , , , , , , , ,

Marco Panizza e Simone Guidorzi

Conoscete le storie e la gente dell’Oltrepò? Eccovi un’intervista doppia a due “museali”: sono Marco Panizza e Simone Guidorzi.

Le ho intervistate insieme a Graziano Menegazzo per un progetto dal titolo “L’ESTRO DEL LATO DESTRO“, sottotitolo “un PO di storie”, coordinato dall’ottima Valeria Longhi.

Abbiamo girato 5 interviste doppie su incarico del Consorzio Oltrepò e per questo siamo andati a caccia di storie e di persone disposte a mettersi in gioco in un’intervista doppia, leggera e divertente, che vi racconta un luogo, il lato destro del fiume Po, che è tutto da scoprire.
La terza intervista doppia è intitolata I MUSEALI e vede protagonisti Marco Panizza e Simone Guidorzi.
Non perdetevi le loro risposte!

Continua a leggere

Govone chi? una conversazione con Marco Scardigli su un protagonista del Risorgimento

Tag

, , , , , , , ,

Da sinistra Giacomo Cecchin e Marco Scardigli

Govone chi? E’ questa la risposta di quasi tutti quando gli si parla del generale Giuseppe Govone. E’ per questo che con lo storico Marco Scardigli abbiamo provato a raccontare la vita di questo protagonista del Risorgimento.

Oggi 26 gennaio 2022 cadono infatti i 150 anni dalla morte del generale, a soli 47 anni, dopo aver vissuto avventure e vicende che basterebbero a riempire 5 vite.

Per questo ho pensato di chiedere a Marco Scardigli, autore di un bellissimo libro su Govone (ne ho parlato qui), di provare a sintetizzare chi era questo generale, cosa ha significato per il Risorgimento italiano e perché la battaglia di Custoza (1866) rappresenta le sue “sliding doors”.

Continua a leggere